Elaborazione di una proposta di successo: una guida completa al modello aperto EIC Pathfinder di Horizon Europe

Horizon Europe EIC Pathfinder rappresenta un’importante opportunità per ricercatori e innovatori di garantire finanziamenti per progetti innovativi. Per massimizzare le possibilità di successo, è fondamentale preparare meticolosamente la proposta, assicurandosi che aderisca alla struttura e alle linee guida fornite. Questo articolo approfondisce i dettagli del modulo di domanda standard (Parte B) e fornisce una guida completa per creare una descrizione tecnica convincente per il tuo progetto. Nota: questo articolo è solo a scopo didattico e non viene fornita alcuna garanzia in merito alla sua accuratezza. Tutti i diritti appartengono agli autori originali dei modelli. Comprendere il modello di proposta La proposta è composta da due parti principali: Parte A: questa parte viene generata dal sistema IT in base alle informazioni inserite tramite il sistema di presentazione nel portale Finanziamenti e gare d'appalto. Include dettagli amministrativi sul progetto e sulle organizzazioni partecipanti. Parte B: questa è la parte narrativa della tua proposta, in cui dettagli gli aspetti tecnici del tuo progetto. La Parte B deve essere caricata come PDF e segue un modello specifico che soddisfa tre criteri di valutazione fondamentali: eccellenza, impatto e qualità ed efficienza dell'implementazione. Sezione 1: Eccellenza La prima sezione della Parte B si concentra sull'Eccellenza della tua proposta. Qui, devi articolare chiaramente gli aspetti visionari del tuo progetto e il suo potenziale per ampliare i confini della tecnologia e della scienza attuali. Visione a lungo termine: descrivi la tua visione della tecnologia radicalmente nuova alla quale il progetto contribuirà a lungo termine. Evidenziare il potenziale di trasformazione di questa tecnologia. Svolta dalla scienza verso la tecnologia: spiega la svolta dalla scienza verso la tecnologia che il tuo progetto mira a raggiungere. Discuti la novità e l'ambizione del tuo approccio rispetto all'attuale stato dell'arte e descrivi come questa svolta contribuirà alla tecnologia immaginata. Obiettivi: delinea gli obiettivi concreti del tuo progetto, assicurandoti che siano misurabili, verificabili e realisticamente realizzabili entro la durata del progetto. Dettagliare la metodologia complessiva e spiegarne l'idoneità ad affrontare le incertezze scientifiche e tecnologiche. Interdisciplinarietà: descrivi come il tuo progetto integra contributi di diverse discipline scientifiche e tecnologiche. Spiega il valore aggiunto di questo approccio interdisciplinare nel raggiungimento degli obiettivi del tuo progetto. Sezione 2: Impatto La seconda sezione affronta l'impatto del tuo progetto. Questa sezione è fondamentale per dimostrare il significato più ampio della tua ricerca e il suo potenziale per guidare l'innovazione e il cambiamento sociale. Impatto a lungo termine: dettaglia i potenziali effetti trasformativi della tua tecnologia sull'economia, sull'ambiente e sulla società. Spiega come il tuo progetto contribuirà a cambiamenti positivi a lungo termine. Potenziale di innovazione: evidenzia il potenziale del tuo progetto per generare innovazioni dirompenti e creare nuovi mercati. Descrivi le misure che prenderai per proteggere e sfruttare i risultati del tuo progetto. Comunicazione e diffusione: fornisci un piano su come comunicherai e diffonderai i risultati del tuo progetto alle parti interessate, alla comunità scientifica e al pubblico. Garantire che queste attività massimizzino l'impatto del progetto. Sezione 3: Qualità ed efficienza dell'implementazione La sezione finale riguarda la qualità e l'efficienza dell'implementazione. Questa parte si concentra sugli aspetti pratici di come eseguirai il tuo progetto. Piano di lavoro e allocazione delle risorse: presentare un piano di lavoro dettagliato, inclusi pacchetti di lavoro, attività e risultati finali. Spiegare l’allocazione delle risorse e giustificarne l’adeguatezza e l’appropriatezza. Qualità del Consorzio: Descrivi la composizione del tuo consorzio, sottolineando le competenze e la complementarità dei partner coinvolti. Evidenzia le precedenti collaborazioni di successo e specifica i ruoli di ciascun partecipante. Tabelle e allegati Per supportare la narrazione, è necessario includere diverse tabelle, descrivendo in dettaglio i pacchetti di lavoro, i risultati finali, le tappe fondamentali, i rischi critici e gli sforzi del personale. Inoltre, a seconda del bando, potrebbe essere necessario includere allegati che forniscano ulteriori informazioni su aspetti specifici quali sperimentazioni cliniche, sostegno finanziario a terzi, questioni di sicurezza e considerazioni etiche. Istruzioni di formattazione e invio La proposta deve rispettare specifiche linee guida di formattazione: Carattere e spaziatura: utilizzare Times New Roman (Windows), Times/Times New Roman (Apple) o Nimbus Roman No. 9 L (Linux) con una dimensione minima del carattere di 11 punti e spaziatura caratteri standard. Dimensioni e margini della pagina: il formato della pagina è A4 con margini di almeno 15 mm su tutti i lati. Limite di pagine: la lunghezza complessiva delle sezioni 1, 2 e 3 non deve superare le 20 pagine. Conclusione La preparazione di una proposta di successo per il bando aperto di Orizzonte Europa EIC Pathfinder richiede un'attenzione meticolosa ai dettagli e il rispetto del modello specificato. Articolando chiaramente l'eccellenza, l'impatto e la qualità del tuo progetto e assicurando che tutte le tabelle e gli allegati richiesti siano inclusi, puoi aumentare significativamente le tue possibilità di ottenere finanziamenti per la tua ricerca innovativa. Per indicazioni più dettagliate, fare riferimento al modello di proposta completo e alle istruzioni fornite nel portale Finanziamenti e gare d'appalto. Modello di proposta Parte B: Descrizione tecnica TITOLO DELLA PROPOSTA [Questo documento è contrassegnato con tag. Non eliminare i tag; sono necessari per l'elaborazione.] #@APP-FORM-HEEICPAOP@# 1. Eccellenza #@REL-EVA-RE@# 1.1 Visione a lungo termine #@PRJ-OBJ-PO@# Descrivi la tua visione di una tecnologia radicalmente nuova , al quale il progetto contribuirebbe a lungo termine. 1.2 Svolta dalla scienza verso la tecnologia Descrivere in termini concreti la svolta dalla scienza verso la tecnologia del progetto. Discutere la novità e l'ambizione della svolta proposta rispetto allo stato dell'arte. Descrivere il contributo della svolta scientifica verso la tecnologia alla realizzazione della tecnologia immaginata. 1.3 Obiettivi Descrivi gli obiettivi del lavoro proposto. Spiegare come sono concreti, plausibili, misurabili, verificabili e realisticamente realizzabili nell'arco della durata del progetto. Descrivi la metodologia generale, inclusi i concetti, i modelli e le ipotesi su cui si basa il tuo lavoro. Spiegare la sua idoneità ad affrontare le incertezze scientifiche e tecnologiche e come consente direzioni e opzioni alternative. 1.4 Interdisciplinarietà Descrivere l'approccio interdisciplinare proposto coinvolgendo contributi da diverse discipline scientifiche e tecnologiche. Spiegare in che misura la combinazione di discipline porta nuove collaborazioni scientifiche e come contribuisce al raggiungimento della svolta proposta. 2. Impatto #@IMP-ACT-IA@# 2.1 Impatto a lungo termine Descrivere i potenziali effetti positivi e trasformativi che la nuova tecnologia immaginata avrebbe sulla nostra economia, ambiente e società. 2.2 Potenziale di innovazione Descrivere il potenziale della nuova tecnologia immaginata per generare innovazioni dirompenti in futuro e... Per saperne di più

Approfondimenti sul settore dai vincitori di EIC Accelerator nel 2021-2023

Il finanziamento EIC Accelerator (sovvenzione e capitale, con opzione blended financing) da parte della Commissione Europea (CE) e European Innovation Council (EIC) è progettato per finanziare startup e piccole e medie imprese (PMI) e assegna fino a 2,5 milioni di euro in sovvenzioni e 15 milioni di euro di finanziamenti azionari per progetto (17,5 milioni di euro in totale). I beneficiari sono spesso supportati da scrittori professionisti, liberi professionisti o consulenti poiché il processo di richiesta di EIC Accelerator è molto complesso e lungo. Inoltre, il programma è generalmente opaco e crea confusione per la maggior parte dei candidati alle prime armi poiché la sua documentazione è molto generica mentre le statistiche e i rapporti si concentrano principalmente su alcuni casi di studio e sulle principali industrie piuttosto che presentare un quadro generale. Analisi dei beneficiari di EIC Accelerator ChatEIC, un'intelligenza artificiale personalizzata basata su GPT-4, si sta concentrando su EIC Accelerator ed è in grado di analizzare set di dati di grandi dimensioni e di estrarre informazioni preziose che possono aiutare i richiedenti e i politici di EIC Accelerator a ottenere informazioni dettagliate sui tipi di società che vengono finanziate dal programma. Poiché tutti i beneficiari EIC Accelerator sono resi pubblici, è possibile ricavare approfondimenti sui loro settori e prodotti. Tutti i candidati EIC Accelerator che hanno ricevuto finanziamenti dal 2021 rientrano nelle seguenti categorie di alto livello in ordine di popolarità: Dispositivi medici Tecnologia ambientale Prodotti farmaceutici Biotecnologie Tecnologia dei semiconduttori Intelligenza artificiale Tecnologia agricola Tecnologia sanitaria Tecnologia spaziale Energia rinnovabile e stoccaggio Informatica quantistica Tecnologia alimentare Tecnologia dell'edilizia Tecnologia delle batterie Tecnologia automobilistica Sicurezza informatica Tecnologia pulita Tecnologia di riciclaggio Automazione industriale Veicoli elettrici Telecomunicazioni Stampa 3D Nanotecnologia Tecnologia per il trattamento delle acque Industria tessile Un approccio più granulare Ma ovviamente queste panoramiche di alto livello del settore sono ciò che è già stato riportato numerose volte. Molto spesso le aziende innovano intersecando le tecnologie esistenti ed è spesso impossibile incasellarle in un unico settore. Pertanto, il seguente elenco presenta un approccio più dettagliato riguardante tutte le aziende finanziate dall'EIC Accelerator dal 2021 e il loro rispettivo settore: Biotecnologia (75 aziende) Dispositivi medici (52 aziende) Tecnologia medica (22 aziende) Informatica quantistica (9 aziende) Tecnologia dei semiconduttori (8 aziende) ) Tecnologia agricola (7 aziende) Energie rinnovabili (6 aziende) Tecnologia ambientale (6 aziende) Farmaceutica (5 aziende) Medical Imaging (5 aziende) HealthTech (5 aziende) Diagnostica medica (5 aziende) AgriTech (4 aziende) Intelligenza artificiale (4 Aziende) Biotecnologia / Farmaceutica (3 aziende) Tecnologia delle costruzioni (3 aziende) Robotica medica (3 aziende) Tecnologia delle batterie (3 aziende) Salute digitale (3 aziende) Tecnologia automobilistica (3 aziende) Monitoraggio ambientale (3 aziende) Stoccaggio di energia rinnovabile (3 aziende) Aziende) Tecnologia spaziale (3 aziende) Materiali di imballaggio (2 aziende) Ingegneria biomedica (2 aziende) Tecnologia verde (2 aziende) Tecnologia dei trasporti (2 aziende) Cleantech HVAC (2 aziende) Cybersecurity (2 aziende) Tecnologia alimentare (2 aziende) Semiconduttori (2 aziende) Produzione additiva (2 aziende) Oncologia Biotech (2 aziende) Tecnologia dell'energia pulita (2 aziende) Tecnologia tessile (2 aziende) Tecnologia assistiva (2 aziende) Telecomunicazioni (2 aziende) Tecnologia di riciclaggio (2 aziende) Biotecnologia AI (2 aziende) Aziende) Medical Imaging AI (2 aziende) Energy Storage (2 aziende) Acquacoltura Technology (2 aziende) Realtà aumentata (2 aziende) Ingegneria aerospaziale (1 azienda) Strumentazione analitica (1 azienda) AgriTech/BioTech (1 azienda) Fotonica (1 azienda) ) Oncologia Biotecnologia (1 azienda) Ricarica di veicoli elettrici (1 azienda) Diagnostica dermatologica (1 azienda) Biotecnologia Coloranti (1 azienda) Tecnologia dei materiali (1 azienda) LiFi Aerospace Communication (1 azienda) Artificial Intelligence Imaging (1 azienda) Space Tech (1 azienda) Stoccaggio di energia verde (1 azienda) Imaging biomedico (1 azienda) Materiali biodegradabili (1 azienda) Ottimizzazione dei trasporti (1 azienda) Monitoraggio della qualità dell'aria interna (1 azienda) Visione artificiale (1 azienda) Tecnologia sanitaria (1 azienda) Sportstech o indossabile Tecnologia (1 azienda) Ricarica wireless (1 azienda) Bioinformatica SaaS (1 azienda) Tecnologia del linguaggio sintetico (1 azienda) FoodTech / AgriTech (1 azienda) Terapia oncologica (1 azienda) Pompe di calore termoacustiche (1 azienda) Medtech Robotics (1 azienda) Acquacoltura (1 azienda) Tecnologia marittima sostenibile (1 azienda) Filtri antiradiazioni (1 azienda) Biotecnologia agricola (1 azienda) EdTech (tecnologia educativa) (1 azienda) AgriTech AI (1 azienda) Imballaggi sostenibili (1 azienda) Elettronica di potenza ( 1 azienda) Ortopedia Biotecnologia (1 azienda) Strumenti per l'edilizia ecologica (1 azienda) Sicurezza spaziale (1 azienda) Tecnologia fotonica (1 azienda) Produzione aerospaziale (1 azienda) Materiali isolanti (1 azienda) Tecnologia di analisi dei gas (1 azienda) Biotecnologia o medicina Dispositivi (1 azienda) Piattaforma di contenuti di gioco (1 azienda) Additivi di origine biologica (1 azienda) Tecnologia farmaceutica (1 azienda) Tecnologia marina (1 azienda) Veicoli elettrici (1 azienda) Tecnologia musicale (1 azienda) Biotecnologia/Industria farmaceutica (1 azienda) Azienda) Automazione industriale (1 azienda) Tecnologie di termodinamica/raffreddamento (1 azienda) Internet delle cose (IoT) (1 azienda) Tecnologia di navigazione con droni (1 azienda) Distribuzione di media digitali (1 azienda) Produzione di biocontrollo (1 azienda) Software per biotecnologie (1 azienda) Azienda) Tecnologia dell'esoscheletro (1 azienda) Tecnologia energetica (1 azienda) Gestione dell'energia (1 azienda) Comunicazioni quantistiche (1 azienda) Strumenti analitici (1 azienda) Reti mobili (1 azienda) Termodinamica (1 azienda) Produzione di calzature (1 azienda) Tecnologia alimentare (1 azienda) Tecnologia finanziaria (FinTech) (1 azienda) Attrezzature mediche (1 azienda) Metrologia ottica (1 azienda) Tecnologia mineraria (1 azienda) Tecnologia aerospaziale (1 azienda) Gestione dei rifiuti (1 azienda) Riciclaggio tessile (1 azienda) Automotive Sensori (1 azienda) Logistica aerospaziale (1 azienda) Tecnologia logistica (1 azienda) Tecnologia dei biocarburanti (1 azienda) Energia nucleare (1 azienda) Tecnologia climatica (1 azienda) Biotecnologia farmaceutica (1 azienda) Energia solare (1 azienda) Materiali per batterie ( 1 azienda) Tecnologia dentale (1 azienda) IP semiconduttori (1 azienda) Soluzioni HVAC (1 azienda) Analisi geospaziale (1 azienda) Analisi dei dati climatici (1 azienda) Micotecnologia (1 azienda) Trasmissione di elettricità (1 azienda) Analisi delle batterie (1 azienda) ) Tecnologia e-commerce (1 azienda) Tecnologia analitica (1 azienda) Sensore biotecnologico (1 azienda) Medicina personalizzata (1 azienda) Galvanotecnica (1 azienda) Dispositivi ortopedici (1 azienda) Tecnologia enologica (1 azienda) Ingegneria geotecnica (1 azienda) Industria della fotonica (1 azienda) Comunicazioni wireless (1 azienda) Produzione biotecnologica (1 azienda) Tecnologia dell'allevamento (1 azienda) Costruzione di robotica (1 azienda) Agricoltura cellulare (1 azienda) Conservazione marina (1 azienda) Biotecnologia agricola (1 azienda) AgriTech/ BioTech (1 azienda) Manutenzione predittiva (1 azienda) Green Packaging (1 azienda) Ocean Acoustics (1 azienda) Supply Chain Technology (1 azienda) Biotecnologia o Agribiotech (1 azienda) Green Tech (1 azienda) Materiali da costruzione (1 azienda) Avanzato Tecnologia dei sensori (1 azienda) Assistenza visiva AI (1 azienda) Tecnologia per l'allevamento degli insetti (1 azienda) Produzione fotovoltaica (1 azienda) Produzione di accumulo di energia (1 azienda) Tecnologia audio (1 azienda) Trattamento delle acque (1 azienda) Riciclaggio elettronico (1 azienda) ) Tecnologia indossabile (1 azienda) Optoelettronica … Per saperne di più

Presentazione di ChatEIC: il copilota AI per applicazioni EIC Accelerator

Immagina di poter semplicemente generare un'intera applicazione EIC Accelerator basata su un singolo file aziendale e alcune istruzioni. ChatEIC, un'intelligenza artificiale personalizzata basata su GPT-4, è in grado di fare esattamente questo. Moduli EIC Accelerator Il programma di formazione EIC Accelerator utilizza un approccio basato su moduli per garantire la scrittura in cui sezioni specifiche sono combinate in moduli per facilitare il processo di apprendimento e scrittura. Utilizzando lo stesso approccio per insegnare alle aziende come scrivere una domanda di sovvenzione e presentare domanda per EIC Accelerator, ChatEIC è in grado di apprendere come deve essere strutturata ciascuna sezione e può semplicemente applicare quanto appreso a qualsiasi azienda. In questo scenario, l'utente deve fornire solo un input minimo, se presente. Idealmente, l'utente deve solo caricare un mazzo per gli investitori o un mazzo a passo lungo e ChatEIC lo prenderà da lì. Il caso di studio: generazione di sezioni di proposta Ad esempio, è possibile utilizzare dati disponibili al pubblico come un mazzo per gli investitori della società di biologia sintetica quotata in borsa Ginkgo Bioworks. Sebbene questo mazzo non sia affatto completo, contiene 66 pagine di preziose informazioni e, cosa più importante, descrive un progetto DeepTech che è molto allineato con EIC Accelerator. Ginkgo Bioworks, pur essendo un'azienda statunitense, è un eccellente caso di studio per testare le capacità delle sezioni di proposte di sovvenzione generate dall'intelligenza artificiale poiché lo standard di prestazione principale per qualsiasi scrittore di sovvenzioni basate sull'intelligenza artificiale è l'input minimo. L'uso di un generatore di testo AI è utile solo se riduce il carico di lavoro che rende indispensabile un lavoro minimo sui prompt. Ora vediamo come si comporterà bene ChatEIC con le sue conoscenze generali per quanto riguarda la scrittura delle proposte EIC Accelerator. Una sfida importante è trasformare la conoscenza generale in conoscenza specializzata poiché ogni azienda, mercato e settore sono diversi. Quindi ChatEIC è in grado di creare sezioni specializzate o finirà per essere generico? Esempio: mercato, abstract e rischi Nota: i moduli contengono un contesto predefinito che ChatEIC riconoscerà e utilizzerà per scrivere per questo progetto. ChatEIC non ha bisogno che gli venga ricordato il significato di ciascun Modulo poiché li conosce a memoria e gli basta sentire il numero. In questo caso, la prima richiesta di input contiene solo il Ginkgo Bioworks Investor Deck come allegato PDF. La seguente conversazione in chat rappresenta l'intera conversazione, i suggerimenti e le informazioni scambiate con ChatEIC senza alcuna modifica o omissione. ChatEIC non ha alcuna conoscenza preliminare in merito alle domande di sovvenzione per Ginkgo Bioworks o conoscenza specializzata di società di biologia sintetica al di fuori della base GPT-4. Input: Scrivi il modulo 56 (Ginkgo.PDF allegato) ChatEIC: Dopo aver esaminato il documento fornito, non ho trovato informazioni specifiche relative alle dimensioni e alla crescita del mercato (modulo 56) per Ginkgo. Tuttavia, in base alla natura del lavoro e dell'industria di Ginkgo, posso redigere un Modulo 56 generico per la tua revisione. Modulo 56: Dimensioni e crescita del mercato Dimensioni del mercato e tasso di crescita annuale composto (CAGR) Ginkgo opera nel settore della biotecnologia in rapida evoluzione, concentrandosi sulla programmazione cellulare e sulla bioingegneria. Si stima che il Total Addressable Market (TAM) per l’industria biotecnologica globale superi i XX miliardi di euro, trainato dalla crescente domanda di soluzioni sanitarie innovative, pratiche agricole sostenibili e nuovi prodotti a base biologica. Serviceable Addressable Market (SAM) All'interno di questo ampio mercato, il SAM di Ginkgo può essere segmentato in aree specializzate come la biologia sintetica, l'ingegneria del genoma e la biosicurezza, per un totale di circa XX miliardi di euro. Questo segmento è caratterizzato da una solida traiettoria di crescita dovuta ai progressi tecnologici e alla crescente adozione di soluzioni di bioingegneria in vari settori. Si prevede che il SOM di Ginkgo, considerando la sua attuale offerta di prodotti e servizi, sia compreso tra XX e XX milioni di €. L’azienda è ben posizionata per conquistare una porzione significativa di questo mercato, data la sua piattaforma innovativa, le partnership strategiche e le capacità avanzate nella programmazione delle celle. Tendenze di mercato e prospettive future Il mercato sta assistendo a un cambiamento significativo verso soluzioni sostenibili e rispettose dell'ambiente, dove l'esperienza di Ginkgo nella bioingegneria è molto rilevante. I prossimi cambiamenti normativi, maggiori investimenti nella ricerca biotecnologica e una crescente attenzione alla medicina personalizzata e alle pratiche sostenibili probabilmente guideranno ulteriormente la crescita del mercato. La capacità di Ginkgo di adattarsi e innovare la posiziona favorevolmente per sfruttare queste tendenze per una crescita sostenuta. Questo modulo è una rappresentazione generale basata sul tipico ambiente di mercato per aziende come Ginkgo. Per un modulo più accurato e dettagliato sono richiesti dati di mercato specifici e proiezioni di crescita relativi ai prodotti e servizi Ginkgo. Hai ulteriori informazioni o dati specifici che vorresti includere in questo modulo? Input: utilizza Bing per cercare report di mercato per SAM e SOM, nonché nel più ampio spazio della biologia sintetica. ChatEIC: Sulla base di una rapida ricerca, ecco cosa ho scoperto. La ricerca di rapporti di mercato specifici sul Serviceable Addressable Market (SAM) e sul Serviceable Obtainable Market (SOM) nello spazio della biologia sintetica per il 2024 non ha prodotto risultati precisi. Le informazioni disponibili coprono principalmente il mercato complessivo della biologia sintetica. Ecco cosa ho scoperto: le dimensioni del mercato della biologia sintetica sono stimate a 79,39 miliardi di dollari nel 2024 e si prevede che raggiungeranno i 145,49 miliardi di dollari entro il 2029, crescendo a un CAGR di 12,88% durante il periodo di previsione (2024-2029). ref] Secondo un altro rapporto, il mercato della biologia sintetica è stato valutato a 13,1 miliardi di dollari nel 2022 e si prevede che si espanderà a un tasso di crescita significativo.[ref] Una fonte diversa afferma che la dimensione del mercato globale della biologia di sintesi è stata valutata a dollari 13,09 miliardi nel 2022 e si prevede che si espanderà a un CAGR di 18,97% dal 2023 al 2030.[rif] Un altro rapporto supporta la stima delle dimensioni del mercato della biologia sintetica a 79,39 miliardi di dollari nel 2024, con una previsione di crescita fino a 145,49 miliardi di dollari entro il 2029​​.[rif] Infine, un altro studio ha valutato il mercato della biologia sintetica a 9,4 miliardi di dollari nel 2022 e prevedeva che raggiungesse i 47,4 miliardi di dollari entro il 2029, con un CAGR di 26% durante il periodo di previsione 2023-29​ ​.[rif] Questi risultati forniscono un’ampia panoramica delle dimensioni del mercato e del tasso di crescita nel settore della biologia di sintesi. Tuttavia, per una stima più precisa di SAM e SOM per Ginkgo… Per saperne di più

Il problema di valutazione di EIC Accelerator nel 2022

Nel 2021, EIC Accelerator blended financing (precedentemente SME Instrument Fase 2, sovvenzione e capitale) ha completato il suo primo anno nell'ambito del nuovo quadro di candidatura (leggi: Processo di candidatura). Con due scadenze nel 2021 (giugno e ottobre), ha presentato una ripida curva di apprendimento per le piccole e medie imprese (PMI), gli scrittori professionisti e il European Innovation Council (EIC). È stato lanciato un nuovo processo online per le domande EIC Accelerator, che è stato continuamente migliorato parallelamente alle prime domande di sovvenzione, che presentavano sfide uniche al modo in cui l'EIC e i consulenti comunicavano con i potenziali richiedenti. Le scadenze sono state spostate, le informazioni trapelate erano più affidabili dei comunicati stampa ufficiali dell'EIC e i commenti forniti dai valutatori hanno suscitato alcune controversie. Sebbene una maggiore trasparenza sia generalmente un passo positivo, soprattutto per un'istituzione pubblica finanziata attraverso le tasse dei cittadini, può rivelarsi controproducente se mette in luce significative incoerenze. Questo articolo si propone di esplorare alcune di queste incoerenze. Le fasi di candidatura Il European Innovation Council e l'Agenzia esecutiva per le PMI (EISMEA), la Commissione europea (CE) e l'EIC hanno elaborato un nuovo processo di candidatura che prevede 3 fasi distinte (nota: queste non sono correlate alle fasi del 2020). Questo nuovo processo si basa fortemente sull'uso di un modulo di presentazione online e ha gradualmente eliminato la maggior parte dei formati PDF/documento utilizzati dai richiedenti prima del 2021. In sintesi, i passaggi attuali sono: Passaggio 1: una mini-applicazione (testo , video, presentazione). Per avere successo, almeno 2 valutatori su 4 devono approvare la domanda. Passaggio 2: una lunga domanda (testo, documenti di supporto, presentazione). Per avere successo, almeno 3 valutatori su 3 devono approvare la candidatura. Passaggio 3: un colloquio a distanza o di persona. Tutti i membri della giuria devono approvare la domanda per avere successo. Le startup devono superare con successo tutti e tre i passaggi nell’ordine designato per ricevere il finanziamento EIC Accelerator. Ogni passo tentato, riuscito o meno, riceverà allo stesso modo commenti dettagliati da parte dei valutatori o dei membri della giuria. Nota: attraverso il programma accelerato implementato dall'EIC, alcune aziende possono saltare alcuni passaggi se le rispettive condizioni sono soddisfatte. Fase 1 La fase 1 è progettata per suscitare l'interesse del valutatore, come affermato dall'EIC. Si tratta di una versione molto breve di un piano aziendale e non fornisce informazioni dettagliate sulle finanze, sui pacchetti di lavoro pianificati o su altre parti critiche del progetto di innovazione. Anche il pitch deck si riduce a un documento di 10 diapositive che verrà letto e non effettivamente presentato. La soglia di successo della Fase 1 è molto facile da superare poiché solo 2 valutatori remoti su 4 devono fornire una revisione favorevole che consentirà al candidato di passare alla Fase 2 (vedere tassi di successo). Fase 2 La fase 2 è una presentazione molto approfondita del progetto di innovazione proposto poiché richiede la creazione di un business plan che consiste quasi esclusivamente di testo, fornisce pochissimi dati visivi e chiede alle PMI richiedenti di rispondere a molte domande dettagliate. Questi includono la catena del valore, le descrizioni dei prodotti, il background tecnico, le analisi di mercato, le strategie commerciali e molti altri dettagli. Questa fase si è rivelata la fase più selettiva e anche quella più impegnativa in termini di lavoro dell'EIC Accelerator. Fase 3 La fase 3 è un colloquio a distanza o di persona che consiste in una presentazione di 10 minuti e una sessione di domande e risposte di 35 minuti. L'intervista si baserà sulla domanda presentata per la Fase 2 e sul pitch deck, ma i giurati potrebbero non avere molta familiarità con tutti i contenuti forniti. Progressione lineare tra i passaggi Sebbene il nuovo processo per le applicazioni EIC Accelerator sembri moderno, ha aggiunto un nuovo livello di problemi che è collegato alla sua struttura in 3 fasi. Quando si genera un processo di candidatura che esamina le aziende per più mesi, è importante assicurarsi che ogni fase di valutazione presenti una progressione lineare rispetto alla fase precedente. Se le valutazioni della Fase 1 e della Fase 2 sono troppo diverse, ciò comporterà inevitabilmente uno spreco di sforzi sia per i richiedenti che per i revisori. Per essere trasparente su questo fatto, l'EIC dovrebbe pubblicare dati di controllo della qualità in cui i risultati di tutte e tre le fasi, se disponibili per ciascun richiedente, sono correlati per identificare se una sezione è stata valutata in modo coerente in più fasi. Se tutti i valutatori approvassero un modello di business molto dettagliato nella fase 2 ma i membri della giuria ne mettessero in dubbio all’unanimità la qualità nella fase 3, il processo sarebbe viziato. Sulla base delle prime applicazioni nel 2021, è chiaro che le tre fasi hanno diversi gradi di profondità, un focus diverso e utilizzano pool di valutatori diversi, il che porta intrinsecamente a limitazioni significative. Di conseguenza, il processo non è del tutto lineare. Conflitti tra le valutazioni Un processo di candidatura lineare vedrebbe un progetto con un punteggio perfetto nella Fase 1 ottenere buoni risultati nella Fase 2. Un progetto che ha presentato dozzine di pagine sulla strategia commerciale e ha ricevuto un punteggio perfetto dai valutatori nella Fase 2 non dovrebbe avere questa revisione può essere invertita nella Fase 3. Mentre la differenza quantitativa tra la Fase 1 e la Fase 2 è significativa e può portare a cambiamenti nella qualità percepita, la differenza tra la Fase 2 e la Fase 3 dovrebbe essere minuscola. In un processo lineare, non dovrebbe mai verificarsi il caso in cui un modello di entrate sia stato valutato perfettamente nella fase 2 per poi essere rifiutato con recensioni negative nella fase 3. Ma tali casi si verificano frequentemente poiché circa 50% di candidati verranno respinti nella fase 3. le ragioni principali sono aspetti commerciali. Se il progetto non è cambiato tra le due fasi, allora come è possibile che i valutatori della Fase 2 valutino un progetto in modo così diverso dalla Giuria della Fase 3? L'applicazione della Fase 2 presenta un livello di dettaglio senza precedenti rispetto agli anni precedenti, quindi la mancanza di contenuti non rappresenterebbe una ragione inadeguata per la discrepanza. È inoltre improbabile che un richiedente fornisca intenzionalmente informazioni false o agisca in modo fraudolento, quindi come si può spiegare un risultato del genere? I giurati dell’EIC… Per saperne di più

I nuovi livelli di prontezza tecnologica (TRL) per il 2021 EIC Accelerator

Il EIC Accelerator blended financing (precedentemente SME Instrument Fase 2, sovvenzione ed equità) ha apportato modifiche significative nel 2021 e ha superato con successo il suo primo ciclo di presentazione e approvazione per i nuovi beneficiari (leggi: Re-inventare EIC Accelerator). Delle oltre 1.500 startup e piccole e medie imprese (PMI) che hanno presentato domanda da aprile 2021 (leggi: revisione dello strumento AI), 65 sono state ora selezionate per il finanziamento poiché hanno superato con successo la fase 1 (breve domanda + video) , Fase 2 (domanda lunga) e Fase 3 (colloquio di persona di tipo VC). Livelli di preparazione tecnologica (TRL) nel 2021 Sebbene siano stati apportati molti cambiamenti, uno dei cambiamenti più rilevanti per potenziali candidati, scrittori professionisti e consulenti sono i livelli di preparazione tecnologica (TRL). Un'analisi delle precedenti iterazioni dei TRL può essere trovata qui: Livelli di preparazione tecnologica (TRL) per EIC Accelerator (SME Instrument) Come il EIC Accelerator finanzia i livelli di preparazione tecnologica (TRL) (SME Instrument) Dal 2021, le loro nuove definizioni sono le seguenti: Base Ricerca: principi di base osservati Formulazione tecnologica: concetto tecnologico formulato Convalida dei bisogni: prova sperimentale del concetto Prototipo su piccola scala: tecnologia convalidata in laboratorio Prototipo su larga scala: tecnologia convalidata nell'ambiente pertinente (ambiente rilevante dal punto di vista industriale nel caso di tecnologie abilitanti chiave) Sistema prototipo: Tecnologia dimostrata nell'ambiente pertinente (ambiente rilevante dal punto di vista industriale nel caso delle tecnologie abilitanti chiave) Sistema dimostrativo: dimostrazione del prototipo del sistema in un ambiente operativo Sistema commerciale primo nel suo genere: sistema completo e qualificato Applicazione commerciale completa: sistema effettivo collaudato in un ambiente operativo (produzione competitiva nel caso delle tecnologie abilitanti fondamentali; o nello spazio) Il TRL iniziale per l'EIC Accelerator Per l'EIC Accelerator, si consiglia di iniziare con un TRL di 5 o 6 poiché questo è generalmente il livello del prototipo che garantisce ulteriori finanziamenti e successivi investimenti azionari per il ridimensionamento delle operazioni. Poiché EIC Accelerator consente anche domande di sola partecipazione, il limite superiore per il punto di partenza di una domanda EIC è TRL8. Le regole specifiche per questo processo sono delineate nel programma di lavoro pubblicato dalla Commissione Europea e dall'EIC: EIC Accelerator supporta le fasi successive dello sviluppo tecnologico e lo scale-up. La componente tecnologica della vostra innovazione deve quindi essere stata testata e convalidata in un laboratorio o in un altro ambiente pertinente (ad esempio, almeno il livello di preparazione tecnologica 5/6 o superiore). Questo estratto indica il punto di partenza per le tecnologie finanziate nell'ambito del EIC Accelerator. Tutte le innovazioni devono aver raggiunto almeno TRL5. Differenze tra capitale proprio e finanziamento tramite sovvenzione Componente di sovvenzione fino a 2,5 milioni di EUR per lo sviluppo e la convalida della tecnologia (TRL da 5/6 a 8); Componente di investimento da 0,5 a 15 milioni di euro per l'espansione e altre attività. Ciò significa che la componente di sovvenzione è strettamente mirata a tutte le attività che terminano a TRL8 o inferiore. La componente azionaria non presenta vincoli e può essere applicata lungo tutto il ciclo di vita da TRL5 a TRL9. Puoi richiedere solo una componente di sovvenzione o una sovvenzione prima (vale a dire un massimo di 2,5 milioni di euro per coprire TRL da 5/6 a 8 e senza richiedere una componente di investimento per TRL 9) se non hai precedentemente ricevuto il supporto di sola sovvenzione EIC Accelerator. Se viene richiesta solo una sovvenzione (e nessuna partecipazione) la fine del progetto sarà TRL8 per quanto riguarda l'EIC. Ulteriori giustificazioni su come viene raggiunto TRL9 devono essere incluse dai richiedenti. Se la proposta riceve un GO e viene raccomandata per il finanziamento, la giuria può raccomandare di ridurre l'importo della sovvenzione se vengono rilevate attività superiori a TRL 8. La regola TRL8 per il finanziamento della sovvenzione viene applicata rigorosamente, quindi nessun richiedente dovrebbe cercare di aggirare questo limite (ad esempio tentando per finanziare le attività di TRL9 tramite una sovvenzione). [Capitale] è destinato a finanziare l'implementazione e l'espansione del mercato, ma può essere utilizzato anche per altri scopi (incluso il cofinanziamento o addirittura il finanziamento completo di attività di innovazione). Si afferma chiaramente che il finanziamento azionario di EIC Accelerator è applicabile anche alle attività tra TRL5 e TRL8 (attività di innovazione). Sommario In breve, il rispettivo finanziamento fornito dall'EIC per un progetto EIC Accelerator è suddiviso in: Equità (dal Fondo EIC): Finanzia le attività da TRL5 a TRL9 Sovvenzione (dalla Commissione Europea): Finanzia le attività da TRL5 a TRL8 Quando si richiede il finanziamento , è possibile richiedere sia la sovvenzione che l'equità (ovvero blended financing), mentre entrambe sono facoltative poiché un richiedente può anche richiederne l'una senza l'altra (ovvero solo equità, solo sovvenzione o sovvenzione-prima).

Sull'assunzione di un consulente o di uno scrittore di sovvenzioni per il 2021 EIC Accelerator (SME Instrument)

Il EIC Accelerator blended financing (precedentemente SME Instrument Fase 2, sovvenzione ed equità) ha introdotto una nuova fase nel processo di candidatura nel 2021 che funge da mini-proposta denominata Fase 1 (leggi: Re-inventare EIC Accelerator). Include materiali come una domanda di sovvenzione scritta, una presentazione video e una presentazione che devono essere inviati alla piattaforma AI European Innovation Councils (EIC) (leggi: AI Tool Review). Con questa modifica, il EIC Accelerator ha ora tre Step da superare, ovvero Step 1 (domanda breve), Step 2 (domanda completa) e Step 3 (colloquio faccia a faccia) (leggi: Raccomandazioni per l'EICA) ma molti le startup e le piccole e medie imprese (PMI) non sono sicure del significato di questi passaggi e delle scadenze e tempistiche ad essi associati. Come breve guida, i candidati possono fare riferimento alle seguenti note: La fase 1 è una breve domanda che può essere preparata in meno di 30 giorni e può essere inviata in qualsiasi momento senza una scadenza fissa (leggi: flusso di lavoro video presentazione) La fase 2 è molto domanda lunga che può essere presentata solo se (i) la fase 1 è stata approvata e (ii) l'EIC ha pubblicato una scadenza fissa. Nel 2021 ci sono stati due cut-off, ovvero giugno e ottobre. Il tempo minimo per preparare la domanda per la Fase 2 dovrebbe essere di 60 giorni, ma si consiglia di trascorrere di più. La Fase 3 è un'intervista faccia a faccia che utilizza il pitch deck inviato nella Fase 2. È disponibile solo per i progetti che sono stati approvati nella Fase 2 e le date per questa Fase sono fissate subito dopo la conclusione delle valutazioni della Fase 2. rilasciato (ovvero la settimana del pitch). La preparazione per questo passaggio può essere eseguita in 14 giorni. Cosa sviluppare da soli e cosa esternalizzare Non esiste una regola generale su quando assumere un consulente o uno scrittore professionista o se ne sia necessario uno. I modelli di proposta ufficiali, il programma di lavoro e le linee guida (ad esempio per il fondo CEI e lo strumento AI) sono disponibili al pubblico, il che significa che ogni azienda è tecnicamente in grado di presentare domanda per conto proprio. È necessario fare considerazioni riguardo alle risorse disponibili e ai tempi di scrittura della sovvenzione. Per la Fase 1, lo sforzo è relativamente piccolo: Vantaggi dello sviluppo interno della Fase 1 La Fase 1 richiede uno sforzo in termini di tempo relativamente ridotto La Fase 1 è relativamente facile da sviluppare Non viene sprecato denaro nel caso in cui il progetto non sia adatto per EIC Accelerator (cioè alcuni le società di consulenza si occuperanno dei casi di scarso successo) Pieno controllo sul risultato Vantaggi dell'assunzione di un consulente Un consulente può modellare il progetto e renderlo più efficace ed evitare segnali di allarme Far parte della Fase 1 semplificherà il processo della Fase 2 Ottimizzare il punteggio automatizzato sulla piattaforma AI basata sull'esperienza Risparmio di tempo Stretto contatto con l'EIC per essere preparati a cambiamenti imprevisti I consulenti ripresenteranno una proposta se rifiutata mentre un progetto rifiutato avrà difficoltà ad assumere un consulente Gli svantaggi di ciascun approccio sono l'opposto di l'uno dall'altro, il che significa che ciò che è un vantaggio nell'assumere un consulente sarà lo svantaggio di preparare da soli una domanda. Per la Fase 2, il confronto sarebbe il seguente: Nota: il confronto per la Fase 2 presuppone che i candidati abbiano presentato con successo domanda per la Fase 1 da soli e stiano valutando la possibilità di assumere un partner della Fase 2. Vantaggi dello sviluppo interno della fase 2 Risparmio sui costi Pieno controllo sul risultato Vantaggi dell'assunzione di un consulente Un consulente può modellare il progetto e renderlo più efficace oltre a evitare segnali di allarme Organizzazione dello sviluppo del progetto e collaborazione tra il team di gestione per soddisfare le esigenze scadenza Risparmio di tempo Stretto contatto con l'EIC per essere preparati a cambiamenti imprevisti Ci sono una serie di considerazioni da fare insieme ai compromessi generali derivanti dall'assunzione di una società di consulenza sopra elencati. Uno di questi è il modo in cui le aziende valutano le proprie capacità e il modo in cui giudicano gli sforzi compiuti. Non è raro che un consulente venga contattato da un cliente che desidera candidarsi alla Fase 1 da solo, menzionando casualmente di aver ottenuto un punteggio B o C in tutti i segmenti degli strumenti AI, anche se il progetto è altamente qualificato per EIC Accelerator. Solo perché il passaggio 1 è relativamente facile da preparare non significa che sia un frutto a portata di mano. È necessario dedicare uno sforzo significativo alla preparazione della domanda, indipendentemente dalla sua semplicità. Sì, l'EIC vuole facilitare la presentazione della domanda da parte dei candidati e vuole evitare che perdano tempo con una domanda lunga se non hanno alcuna possibilità di successo. Ma questo non significa che i valutatori otterranno un progetto con un input minimo o leggeranno tra le righe. Le aziende molto impegnate spesso pensano che preparare una domanda rapida sia sufficiente, ma questo non si applica alle sovvenzioni EIC. Un'azienda dovrebbe essere pronta a fare il possibile con la domanda e a compilare ogni sezione con la massima attenzione e impegno. Conclusione Il modo migliore per rispondere alla domanda su quando assumere un consulente sarebbe quello di decidere innanzitutto se la preparazione interna della proposta è un'opzione (vale a dire disponibilità di tempo, personale qualificato). In secondo luogo, l'azienda dovrebbe parlare con le società di consulenza per identificare se il progetto ha adeguate possibilità di successo (si consigliano più opinioni poiché alcune società di consulenza non sono sufficientemente selettive). In terzo luogo, l’azienda deve soppesare i compromessi della scrittura interna delle proposte, vale a dire l’intenso tempo richiesto, in particolare per la fase 2, ma anche il carico di lavoro del team di gestione che farebbe meglio a concentrarsi su compiti rilevanti per il business invece di scrivere.

Selezione di parole chiave e valutatore per applicazioni EIC Accelerator (SME Instrument)

Il EIC Accelerator blended financing (precedentemente SME Instrument Fase 2, sovvenzione ed equità) consente a tutte le startup candidate e alle piccole e medie imprese (PMI) di aggiungere parole chiave nella piattaforma che verranno utilizzate per selezionare valutatori esperti (leggi: Revisione dello strumento AI). In passato, questa funzionalità era una scatola nera poiché gli scrittori professionisti e le società di consulenza non sapevano come i diversi valutatori avrebbero valutato una domanda o se avesse fatto la differenza (leggi: Re-inventare EIC Accelerator). L'approccio comune è stato quello di selezionare le parole chiave più pertinenti che riflettono il progetto (ad esempio tecnologia delle batterie, apprendimento automatico, biomassa) e sperare per il meglio. Sebbene questo sia ancora un metodo comprovato da seguire, questo articolo presenta un'opinione su come selezionare le parole chiave per massimizzare le possibilità di successo di un invio. Pool di valutatori e parole chiave Il pool totale di valutatori contiene migliaia di esperti che verranno selezionati in base alla disponibilità e, soprattutto, alle parole chiave inserite nella piattaforma. Queste parole chiave vengono selezionate da un elenco a discesa mentre più parole chiave principali contengono più parole chiave secondarie mentre vengono selezionate un totale di 3 coppie di parole chiave principale e secondaria per un progetto in un ordine specifico. Inoltre, è possibile aggiungere parole chiave gratuite per integrare la selezione iniziale delle parole chiave. Quando si selezionano le parole chiave, di solito ci sono più opzioni poiché un avvio con batteria AI può iniziare con Energia seguita da Batteria e quindi Apprendimento automatico o potrebbe invertire questo ordine. Ma cosa succede se il mercato è quello proptech o quello immobiliare in particolare, dal momento che il progetto fornisce soluzioni di stoccaggio energetico per sistemi di backup negli edifici commerciali? Successivamente le parole chiave potrebbero concentrarsi anche sul settore immobiliare, su determinati segmenti di clientela (ad esempio aziende di servizi pubblici) o su aspetti simili. Esistono molte opzioni diverse tra cui scegliere ma, finora, non si sapeva come avrebbero influenzato la valutazione della domanda poiché tentativi ed errori sono stati ostacolati dalle valutazioni non trasparenti, dalla casualità delle revisioni e dalle scadenze ravvicinate nel 2020. Feedback Il European Innovation Council (EIC) ha introdotto una funzione di feedback nel processo di valutazione che consente ai revisori di lasciare commenti per i candidati in modo molto dettagliato. Sebbene la loro identità e il loro background siano sconosciuti al richiedente, i commenti specifici dei valutatori spesso rivelano l'angolazione da cui un valutatore guarda all'innovazione. Se si tratta di qualcuno che ha una prospettiva scientifica, una visione tecnica o è inserito nel settore, i commenti spesso si concentreranno su questo aspetto. Nel bene e nel male, il tipo di valutatore può avere un impatto significativo sul modo in cui la proposta viene esaminata. Dopo aver studiato molteplici valutazioni della Fase 1, è evidente che i valutatori hanno prospettive molto diverse. Lo stesso aspetto di un progetto può essere lodato o criticato nella stessa recensione che rende critico il punto di vista, non solo la qualità del progetto. Per esperienza, le revisioni positive della Fase 1 spesso elogiavano l’impatto, la fattibilità e la visione del progetto se i valutatori vedevano che esiste un forte potenziale di interruzione, mentre le revisioni critiche tendevano a concentrarsi su aspetti tecnici o commerciali isolati. Un approccio diverso Invece di chiedersi: quali parole chiave descrivono meglio il mio progetto? Sembra essere un approccio migliore chiedere: di quale background ha bisogno un valutatore per rimanere maggiormente colpito? Molto spesso, uno scienziato specializzato nell'apprendimento automatico potrebbe non essere colpito da una determinata applicazione di intelligenza artificiale, mentre qualcuno del settore a cui si rivolge ne vedrebbe immediatamente il vantaggio e avrebbe una visione positiva. Ma potrebbe anche essere vero il contrario se l’impatto del settore fosse più difficile da immaginare rispetto alla natura all’avanguardia della tecnologia che farebbe un’impressione migliore a uno scienziato rispetto a un operatore del settore. Lo scopo della selezione dei valutatori dovrebbe essere quello di scegliere esperti che capiscano la visione dell'azienda e vedranno l'innovazione in una luce positiva. Ciò che dovrebbe essere evitato sono pensieri come: Il back-end è sofisticato, segue un approccio unico e sconvolge un mercato ma non penso che sia abbastanza all’avanguardia da un punto di vista scientifico Il prodotto è scientificamente valido, ma come convincerai me lo compro? Soprattutto quando si tratta di soluzioni software, possono esserci puristi che trascurano l’attenzione dell’EIC sulla rivoluzione del settore e sui nuovi modelli di business solo per criticare un aspetto isolato del progetto. Conclusione È opportuno riflettere profondamente sulle parole chiave scelte prima dell'invio e assicurarsi che il potenziale background che un valutatore avrà corrisponda all'ambito e al focus della domanda. Questo approccio non è un metodo collaudato per ottenere buoni valutatori, ma può avere un chiaro impatto sul risultato della valutazione. Ogni scrittore professionista ha visto candidature con valutazioni contraddittorie e prive di consenso. Spesso, la ragione per cui questo accade è molto ovvia dai commenti del valutatore e dipende sempre dalla sua prospettiva definita dal suo background. Sfortunatamente, questo approccio avrà probabilmente vita molto breve. L'EIC sta già raccogliendo parole chiave durante la fase 1 del EIC Accelerator e la selezione manuale di parole chiave aggiuntive sembra ridondante in questa fase. Tuttavia, finché è ancora possibile influenzare la selezione dei valutatori, ciò dovrebbe essere fatto con attenzione.

Sulle percentuali di successo di EIC Accelerator nel 2021 (SME Instrument)

Il programma EIC Accelerator blended financing (precedentemente SME Instrument Fase 2, sovvenzione ed equità) si è reinventato nel 2021 con un nuovo processo di presentazione, un budget più ampio e nuove soglie di successo (leggi: Revisione dello strumento AI). Quest'ultimo è significativo poiché definisce direttamente quanto tempo le aziende dovranno dedicare a una domanda e quanto tempo sarebbe stato sprecato in caso di rifiuto (leggi: Aziende che non dovrebbero presentare domanda). Dato che i tassi di successo si sono avvicinati a 5% per molti anni e hanno visto un forte calo nel 2020 da 2,7% a gennaio a <1% a ottobre, è probabile che questi tassi di successo si stiano ora muovendo verso il massimo storico. Un articolo pubblicato in precedenza ha analizzato i potenziali tassi di successo e previsto i carichi di lavoro delle singole fasi, ovvero la fase 1 (domanda breve), la fase 2 (domanda completa) e la fase 3 (colloquio faccia a faccia). L'analisi ha esaminato i migliori risultati per i candidati poiché ha correlato direttamente le percentuali di successo con il carico di lavoro imposto ai candidati e ha concluso che le barriere più selettive dovrebbero essere all'inizio piuttosto che alla fine per evitare mesi di sforzi sprecati. I tassi di successo del 2021 Dato che molte startup e piccole e medie imprese (PMI) hanno fatto domanda per l'EIC Accelerator del 2021 da sole o tramite consulenti e scrittori professionisti, è ora possibile trarre conclusioni sulla distribuzione complessiva dei tassi di successo ( leggi: Reinventare l'EIC Accelerator). Poiché la Fase 1 è continuamente aperta alle iscrizioni, i tassi di approvazione cambiano costantemente, ma al 15 maggio 2021, 67% di aziende sono passate, 755 su 1.114. Si prevede che questo numero rimanga relativamente costante nei prossimi mesi poiché è anche la soglia fissata da European Innovation Council (EIC). I risultati della fase 2 sono stati pubblicati solo di recente e potrebbero non essere rappresentativi per le prossime scadenze poiché (i) il tempo di preparazione per i candidati è stato inferiore a 30 giorni, (ii) è stato il primo bando con una nuova procedura di candidatura e (iii) il feedback delle giurie intervistate nella Fase 3 potrebbe influenzare le future valutazioni della Fase 2. Tuttavia, nel mese di giugno, 130 candidati su 801 sono stati selezionati per la fase 3, il che significa che 16% aziende hanno superato questa fase. Nota: dei 130 inviti a colloqui per la fase 3 di EIC Accelerator, 24 startup svizzere sono state ritenute non idonee a causa della recente decisione delle autorità svizzere in relazione a Orizzonte Europa (2021-2027). Ciò produrrebbe un tasso di successo di 13% in questa fase considerando che solo 106 aziende parteciperanno alle interviste di metà settembre. Combinando le percentuali di successo della Fase 1 e della Fase 2 si ottiene una percentuale di successo totale di 11% fino alla Fase 3 e, considerando che le percentuali di successo della fase del colloquio (Fase 3) sono state storicamente comprese tra circa 50% nel 2018/2019, si può presumere che il tasso di successo complessivo riacquisterà un totale di 5% per EIC Accelerator. Nota: sebbene i tassi di successo dei colloqui fossero circa 50% nel 2018/2019, hanno oscillato tra 30% e 50% nel quarto trimestre del 2019 e per tutto il 2020. A causa dei budget elevati e dell'abbandono di 24 candidati svizzeri (18% di tutti gli invitati) dopo la fase 2 valutazioni, i tassi di successo della Fase 3 potrebbero potenzialmente raggiungere 70%, ottenendo un tasso di finanziamento 7%+. Conclusione Resta da vedere come si svilupperanno le percentuali di successo effettive nella fase 3 e come i futuri cambiamenti nei moduli di presentazione, nel modello ufficiale di proposta e nelle valutazioni (specialmente con il feedback della giuria) influenzeranno queste soglie. Anche il budget di 1 miliardo di euro per sole due scadenze nel 2021 è estremamente elevato, il che significa che questa corsa all’oro del 2021 potrebbe essere di breve durata. Una cosa è certa: EIC Accelerator non è mai stato così accessibile come lo è oggi, con molti grandi progetti che hanno maggiori possibilità di ricevere finanziamenti. Ciò che resta da vedere è se l’EIC mantiene il proprio impegno e non classifica le proposte una contro l’altra, ma mantiene la sua metodologia GO e NO-GO individualizzata. Se così fosse, l’acceleratore EIC potrebbe rimanere accessibile come lo è ora per l’intero Orizzonte Europa (2021-2027), poiché nessun numero di candidati o concorrenza ostacolerebbe le possibilità di successo di un singolo progetto. Anche se questo sembra lo scenario ideale, resta da vedere se è fattibile. Se i GO nella Fase 2 o 3 superano i budget allora ci sono solo tre opzioni: (1) Rifiutare i candidati GO sulla base di fattori discriminanti (ad esempio settore, costi, genere), (2) creare una lista di attesa per le proposte approvate nella Fase 2 o 3 (vale a dire prima o dopo il colloquio) o (3) modificare la valutazione di back-end prima di pubblicare i risultati per respingere retroattivamente i candidati altrimenti finanziati (vale a dire rendendo più rigorosa la valutazione della giuria). Un’ultima cosa da menzionare è che alcune agenzie governative sono costrette a spendere completamente i loro budget annuali poiché sono direttamente correlati al budget assegnato nell’anno successivo, quindi il limite di ottobre 2021 del EIC Accelerator potrebbe vedere un numero sorprendente di aziende finanziate se il cut-off di giugno non spende i 500 milioni di euro a disposizione.

Un nuovo approccio allo sviluppo di progetti EIC Accelerator nell'ambito di Horizon Europe (SME Instrument)

Il EIC Accelerator blended financing (ex SME Instrument Fase 2, sovvenzione e capitale) può essere visto come un programma di finanziamento completamente nuovo nell’ambito di Orizzonte Europa (2021-2027). Non ha solo cambiato il processo di presentazione delle proposte di sovvenzione, ma anche la sua valutazione che probabilmente vedrà cambiamenti significativi nelle tipologie di aziende selezionate come beneficiarie (leggi: Re-inventare EIC Accelerator). Questo articolo mira a contrastare il flusso di lavoro precedente di autori di sovvenzioni e consulenti professionisti con questa nuova iterazione della startup European Innovation Councils (EIC) e del braccio di finanziamento delle piccole e medie imprese (PMI) (leggi: AI Tool Review). Poiché l'innovazione è sempre nella mente sia degli autori che dei valutatori, apportare le modifiche necessarie e adattarsi a un ambiente nuovo e imprevedibile diventa una seconda natura. Pertanto, anche le grandi società di consulenza hanno già adattato il proprio flusso di lavoro e hanno iniziato a modificare i propri processi interni per mantenere efficienza e qualità. Come appariva la stesura delle proposte di sovvenzione nel 2020 Nel 2020 e negli anni di Orizzonte 2020 (2014-2020), il processo di scrittura delle domande EIC Accelerator (o poi SME Instrument) è stato piuttosto semplice. La collaborazione inizierebbe con un Kick-Off Meeting (KOM), il trasferimento dei file rilevanti e poi gli autori si metterebbero al lavoro, per lo più in modo autonomo. A causa dello spazio limitato disponibile e della mancanza di approfondimento riguardo alla tecnologia, non c'erano motivi per ricevere un input eccessivo da parte dell'azienda stessa poiché la proposta si concentrava su una breve descrizione narrativa rispetto alle segmentazioni tecniche. Nel 2021 questo approccio è cambiato poiché l’applicazione stessa è strutturata in modo diverso. Questo articolo mira a evidenziare come il vecchio modo di scrivere le proposte sia ora sostituito da un approccio più moderno e ricco di sfumature che richiede maggiore collaborazione, profondità e raffinatezza. Perché il vecchio approccio ha smesso di funzionare 1. Requisiti di testo e lunghezza La proposta EIC Accelerator del 2020 era relativamente lunga con 30 pagine come documento principale, ma la versione 2021 ha aumentato enormemente quel numero. Ciò è dovuto alle numerose caselle di testo di circa 1.000 caratteri che devono essere riempite in tutta l'applicazione, mentre alcuni segmenti ammontano anche a 5.000 caratteri, 10.000 o spazi illimitati. Pertanto, le descrizioni sono molto più dettagliate e spesso devono essere sviluppate per la proposta stessa poiché le aziende non sempre utilizzano determinati tipi di segmentazione. Esempi sono le funzionalità e i casi d'uso, i traguardi del Technology Readiness Level (TRL), il Total Available Market (TAM), il Serviceable Available Market (SAM), il Serviceable Obtainable Market (SOM) o il Technology Adoption Life-Cycle (TALC). 2. Dettagli tecnici e approfondimento Molte sezioni nel 2020 erano piuttosto superficiali e gli autori spesso hanno avuto difficoltà a allocare più di 1 pagina DINA4 per la descrizione della tecnologia, comprese le immagini, a causa delle rigide limitazioni. Con il nuovo modello di funzionalità e casi d'uso, è possibile impostare facilmente 10 funzionalità con 7.000 caratteri ciascuna, ottenendo 70.000 caratteri per la sola descrizione della tecnologia. Considerando la necessità di descrivere la Freedom to Operate (FTO), le conoscenze attualmente esistenti, i colli di bottiglia e il valore aggiunto per ciascuna caratteristica, è evidente che è richiesto un livello di profondità senza precedenti. Supponendo 140 parole per 1.000 caratteri e 750 parole che compongono un blocco di testo su una pagina DINA4 (utilizzando i margini EIC Accelerator del 2020 senza immagini), ciò produrrebbe 13 pagine DINA4 di puro testo solo per le funzionalità. Rispetto alla precedente pagina singola che doveva includere immagini, il cambiamento è abbastanza drastico e le 13 pagine non coprirebbero nemmeno l'intera descrizione della soluzione poiché deve essere descritta anche altrove. Questo livello di profondità è impossibile da raggiungere senza una forte collaborazione con il Chief Technical Officer (CTO) e una ricerca sufficiente. Considerando che tutte le sezioni che coprono il mercato, i dati finanziari, la strategia commerciale e altre sono aumentate di dimensioni, è chiaro che la proposta EIC Accelerator del 2021 è facilmente quadruplicata in termini di dimensioni rispetto al 2020. 3. Maggiore controllo verso le strategie commerciali Strategie commerciali e mercato le analisi erano generalmente piuttosto limitate a causa delle restrizioni di pagina dell'EIC Accelerator del 2020. Con l’ormai gonfio processo del Passaggio 2, la situazione è cambiata in modo significativo. Le sezioni del mercato e in particolare il TALC richiedono una ripartizione dettagliata di come verranno raggiunti i clienti con specifiche aspettative di penetrazione del mercato. Pertanto, la strategia richiederà piani che superino concetti semplificati come: Vogliamo iniziare nell’Unione Europea (UE) e poi diventare globali Abbiamo distributori locali che possono aiutarci Ci aspettiamo di raggiungere 100 clienti in 3 anni Svilupperemo un rete di clienti Il nuovo modello chiede alle startup e alle PMI richiedenti di definire ciascun segmento di penetrazione e persino di fornire flussi di cassa (operativi, di investimento e finanziari) per ciascuno, inclusa una sequenza temporale e profitti e perdite (P&L). Soprattutto il P&L, anche se il nuovo foglio di calcolo è ora semplificato, avrà bisogno di un’ulteriore ripartizione per tenere conto delle cifre fornite nel TALC che possono estendersi per oltre 10 anni nel futuro mentre il P&L di solito considera solo 5 anni. 4. Altre sezioni Al di fuori del Go2Market e delle parti tecniche, ci sono una serie di cifre e considerazioni che necessitano di maggiore input da parte dei richiedenti poiché erano più superficiali nel 2020. Soprattutto la sezione del rischio, le esigenze di investimento e i concorrenti (ad es. dolori e vantaggi) richiedono un forte input da parte del team di gestione dell'azienda. Come strutturare lo sviluppo del progetto nel 2021 Di conseguenza, il precedente approccio diretto di scrivere una proposta di outsourcing a un consulente è impossibile ma è sostituito da un approccio più collaborativo in cui l'azienda deve essere attivamente impegnata nella discussione degli input necessari ed essere portata per la strutturazione dell'intera applicazione. Il cambiamento più grande nel 2021 è la collaborazione tra consulenti (o scrittori professionisti) e clienti. Invece di elaborare autonomamente un business plan, i consulenti devono coinvolgere i propri clienti nel processo e, poiché il team di gestione di una scale-up è solitamente piuttosto impegnato, dimostrare un'eccellente gestione del progetto durante tutto il processo. Questi cambiamenti sono ancora abbastanza nuovi, ma i miglioramenti più importanti rispetto ai vecchi metodi potrebbero essere: Più chiamate d’inizio per sezioni dedicate… Per saperne di più

Guardare all'innovazione da una nuova prospettiva: cambiare la valutazione delle proposte EIC Accelerator (SME Instrument)

L'EIC Accelerator blended financing (sovvenzione e capitale) ha subito una transizione drammatica dal suo primo avvio dall'ormai obsoleto SME Instrument Fase 2 nel 2019 e dalla successiva fase di test come EIC Accelerator Pilot nel 2019/2020. Con un nuovo processo di candidatura che comprende più passaggi, una piattaforma AI online per l'invio e una presentazione video, ha cambiato non solo il processo ma anche i suoi risultati (leggi: AI Tool Review). Poiché la valutazione e il modello di proposta sono cambiati insieme a questa nuova iterazione, è chiaro che ciò che ha funzionato nel 2020 e nelle fasi precedenti potrebbe non essere applicabile nel 2021. Chiaramente, la proposta sembra diversa, dà priorità a una struttura predeterminata rispetto a un piano aziendale gratuito narrativa e definisce una tabella di marcia specifica a cui tutte le aziende devono aderire. Ma il fattore che potrebbe avere l'impatto più significativo sulle ultime modifiche dell'EIC Accelerator potrebbe essere la valutazione stessa. Allontanarsi dalla fase 2 di SME Instrument e dal progetto pilota EIC Accelerator Lo scopo della nuova fase 1 di EIC Accelerator è un controllo di qualità delle candidature per identificare se il progetto è di interesse per l'UE e se si adatta al rischio generale, all'innovazione, al team e al mercato criteri. Pertanto, è stato inizialmente pubblicizzato come un modo per emulare il vecchio Sigillo di Eccellenza* che veniva assegnato ai progetti del 2020 con un punteggio di valutazione di almeno 13 su 15. Storicamente, da 30% a 50% di tutti i progetti presentati tra il 2018 e il 2020 raggiunto questo livello. Le attuali percentuali di successo del Passo 1 di 60-70% corrispondono piuttosto bene a questa soglia, anche se si potrebbe sostenere che il vecchio punteggio equivalente corrisponderebbe piuttosto a 12,5 e non a 13 completo. Tuttavia, il Passo 1 agisce come una soglia che sta parzialmente sostituendo il vecchio punteggio, ma ha anche un focus decisamente diverso quando si tratta di qualità del progetto. Questo aspetto della qualità può essere indagato attraverso una semplice domanda: le ripresentazioni di domande con punteggio superiore a 12,5 dal 2020 andranno automaticamente bene nella Fase 1 del 2021? *Nota: il nuovo Sigillo di Eccellenza viene ora assegnato solo ad alcune aziende che raggiungono la fase 3 del processo di valutazione, ovvero la fase del colloquio. Il Marchio di Eccellenza 2021 non è associato alla candidatura breve della Fase 1 o ad alcun tipo di punteggio, ma funge da utile analogia con le precedenti iterazioni del programma di finanziamento prima del 2021. Transizione dal 2020 al 2021: soglie e qualità L'EIC ha ha affermato che la Fase 1 è concepita per “scatenare l’interesse dei valutatori”, il che significa che si tratta di una valutazione molto superficiale rispetto anche alla vecchia Fase 1 SME Instrument. Ci sono solo 5 criteri di valutazione semplificati nella Fase 1 mentre le valutazioni del 2020 dovevano affrontare 17 criteri molto dettagliati. Si potrebbe sostenere che i nuovi criteri di valutazione che definiscono direttamente il successo dei progetti stanno ora favorendo fortemente l’innovazione, il rischio e il mercato, mentre i vecchi criteri guardavano ogni aspetto dell’azienda e del progetto con uguale peso. Senza un giudizio sui vantaggi o sui compromessi di questo approccio, esso avrà chiaramente un impatto sui tipi di progetti che avranno successo e sarà probabilmente molto diverso da quanto osservato nel 2020 e nel decennio precedente (leggi: Raccomandazioni per l’EICA). Sono emersi alcuni casi interessanti di candidati che hanno presentato domanda per EIC Accelerator, mentre una presentazione del 2020 che ha mostrato punteggi bassi da 10 a 11 su un massimo di 15 ha superato la fase 1 nel 2021 con recensioni molto positive. Ciò che è interessante è che punteggi così bassi nel 2020 sono stati spesso trattati come una causa persa agli occhi di scrittori professionisti o società di consulenza poiché significa che il progetto non ha la sofisticatezza necessaria per convincere European Innovation Council (EIC) o la startup o Small- and Le medie imprese (PMI) non hanno un modello di business né una pianificazione finanziaria ben ponderata. Modifica dei criteri di valutazione Con la prima fase progettata per suscitare solo l'interesse del valutatore, molti progetti che non sarebbero stati presi in considerazione per il finanziamento nel 2020 anche se la Commissione Europea (CE) avesse avuto finanziamenti in eccesso disponibili, ora possono facilmente superare la prima fase. Non è chiaro come ciò cambierà nella Fase 2, ma ciò che si può dire è che i criteri di valutazione sono cambiati in modo significativo. Nel 2020 c’erano 17 criteri dettagliati che coprivano l’intero modello di business, dal subappalto tramite la rete di partner ai dettagli della base clienti (leggi: Aziende che non dovrebbero applicarsi). Le domande erano molto dettagliate e trattate: perché i clienti dovrebbero acquistare da te? Il tuo modello di business è in grado di far crescere la tua azienda? Il piano strategico per la commercializzazione è sufficiente? Sono stati risolti eventuali problemi di proprietà intellettuale o di licenza? Il prodotto è facile da usare? … Questo è stato sostituito da 13 criteri nella Fase 2 e solo 5 nella Fase 1. Invece di porre domande molto sfumate ai valutatori che devono valutare il progetto completo in incrementi, i nuovi criteri sono semplificati e si concentrano su molte delle stesse domande anche se con meno dettagli. È interessante notare che i nuovi criteri omettono l’uguaglianza di genere, i benefici più ampi nell’UE e le sfide sociali. Questi erano espliciti nei vecchi criteri di valutazione ma ora sono inesistenti anche se devono essere descritti nella domanda di Step 2. Ciò è probabilmente dovuto alle nuove sfide strategiche e alla quota di donne CEO che viene applicata nel back-end e non deve essere reiterata nel front-end delle valutazioni. I criteri “Go” C’è chiaramente un focus diverso nei nuovi criteri di valutazione con una forte preferenza per il rischio, il mercato, l’innovazione e il team con istruzioni per i valutatori secondo cui uno Step 2 Go dovrebbe corrispondere a quello che sarebbe stato un 4,5- 5 secondo le regole del 2020.** Per rivisitare l'aneddoto menzionato sopra, una domanda con un punteggio di 10,5 avrebbe avuto un punteggio medio di 3,5 per ciascuna sezione, il che significa che non dovrebbe avere alcuna possibilità di... Per saperne di più

Rasph - Consulenza EIC Accelerator
it_IT